Mercato del collezionismo

Mercato delle pulci e del collezionismo

A  Piante e Animali Perduti c’è anche un mercato delle pulci e del collezionismo, un mercatino detto anche bric à brac alla francese. E’ attivo all’interno della manifestazione ormai da alcuni anni e ogni edizione riscuote sempre maggiori consensi.

Come un classico mercatino del c’era una volta gli espositori mettono in mostra il meglio di ciò che hanno saputo raccogliere nelle soffitte e nei luoghi più impensabili. A volte capita davvero di imbattersi in fortunati incontri con oggetti che si cercavano da tempo. Altre volte gli espositori, che sono loro stessi collezionisti preparati e appassionati, sanno offrire certe chicche introvabili che deliziano gli esperti dei tanti settori del collezionismo.

Al mercatino delle pulci e del collezionismo è dedicata una’rea apposita e non può quindi confondersi con il resto della kermesse guastallese di fine settembre. Rappresenta un modo per farsi prendere dalla curiosità di riscoprire vecchie bambole, piatti e zuppiere antiche, arnesi da lavoro di una volta, accessori per la casa ormai dimenticati da generazioni oltre naturalmente al patrimonio di libri usati spesso fuori edizione e quindi di ardua reperibilità.

Il recupero degli oggetti della tradizione

Nel generale itinerario di Piante e Animali Perduti dedicato al verde, alla enogastronomia e ai prodotti vari di artigianato il mercatino dell’usato di una volta rappresenta un collegamento ideale tra i valori che Piante e Animali Perduti trasmette da quando è nata e il recupero delle tradizioni che sono cultura dei luoghi e che la sanno rappresentare anche proprio grazie agli oggetti.

Quando sei a Piante e Animali Perduti cerca quindi lo spazio assegnato al mercatino Bric à Brac e vai alla ricerca… delle sorprese figlie di un tempo passato.

 

fotografie di Daniele Daolio

Guarda il programma 2018 !Clicca qui